SAN VITO 

è disponibile un compact disc registrato su quest'organo

Lo strumento, costruito dalla ditta Bazzani di Venezia, arrivò a S. Vito nel 1849 e fu inaugurato nel 1850. In tutti questi anni non è stato fortunatamente mai manomesso conservando così intatte le sue caratteristiche originali: in particolare la ricchezza timbrica dei registri e la dotazione di quegli accessori tipici dell’organaria ottocentesca quali la grancassa, i piatti, il rollante e i campanelli, che gli permettono quasi di ricreare la varietà dei suoni di una vera orchestra. Rimasto inutilizzato per circa 20 anni, è ritornato in piena efficienza, grazie all’intervento di ripristino funzionale effettuato dalla ditta F.lli Pedrazzi di Broni (PV) e promosso dall’Amministrazione Comunale di S. Vito nel 1998. 

Caratteristiche e disposizione fonica:

 Facciata di 31 canne, con labbro superiore a mitria, disposte in tre campate a cuspide. Tastiera cromatica di 56 note (Do1 / Sol5) e pedaliera a leggio di 17 note (Do1 / Sol#2), con prima ottava corta. I registri sono azionati da due file di manette ad incastro poste a destra e con combinazione alla lombarda, nel seguente ordine: 

Voce umana 

Principale Bassi [8’]

Flauto traversiere [sopr. 8’] 

Principale Soprani [8’]

Flauto in 8va Bassi 

Ottava Bassi

Flauto in 8va Soprani 

Ottava Soprani

Viola [4’ - intera tastiera] 

Quintadecima

Fagotto Bassi [8’] 

Decima nona

Claroni Bassi [4’] 

Vigesima seconda

Trombe dolci ne’ Soprani [8’] 

Vigesima sesta

Corno inglese [sopr. 16’] 

Vigesima nona

Corni Da Caccia Dolci né Soprani [16’] 

Trigesima terza

Flagioletto Bassi [1/2’] 

Trigesima sesta

Ottavino Soprani [2’] 

Controbassi [al ped. 16’]

Tromboncini Bassi 

Ottava de’ Controbassi [al ped. 8’]

Tromboncini Soprani 

Quinta de’ contr. [al ped. 5 1/3’]

Trombe reali [al ped. 8’] 

Timballi in XII Tuoni [al ped.] 

Divisione tra bassi e soprani ai tasti Do#3 / Re3

Accessori: manetta in alto sopra la tastiera per i “Campanelli”; Terza Mano e Rollante comandati da due pedali posti a destra di seguito alla pedaliera; pedaletto a sinistra per il tremolo; tre pedaletti a destra comandano la Grancassa (con piatti e sistro), il Tiratutti del Ripieno e la combinazione libera “alla lombarda”