©2019 by Organi Storici in Cadore. Proudly created with Wix.com

Organo “G. CALLIDO - G.B. DE LORENZI” (1780 / 1864)


Questo strumento costruito nel 1780 da Gaetano Callido (Opera n. 160) è stato in seguito ampliato, nel 1864, da Giovanni Battista De Lorenzi. Esso si presenta quindi come un pregevolissimo organo settecentesco di scuola veneta, arricchito da alcuni registri e accessori tipici dell’organaria ottocentesca. La sua monumentalità e potenza sonora, ben si adattano all’ampiezza della chiesa in cui è collocato.

Caratteristiche e disposizione Fonica

Facciata dal Fa0 (12'). Tastiera di 62 tasti (Do0-Fa5) con prima ottava corta, reale dal Fa0. Divisione tra Bassi e Soprani: Si2/Do3. Pedaliera moderna orizzontale di 24 tasti (Do1-Si2).

 

Principale in 8 Bassi   (12')       Corno inglese   (soprani, 16')

Principale in 8 Soprani             Flauto reale   (soprani, 8')

Ottava                                       Flauto 8va Bassi

Quintadecima                           Flauto 8va Soprani

Decimanona                             Flauto 12ma

Vigesimaseconda                     Voce umana

Vigesimasesta                          Trombone Basso   (8')

Vigesimanona                          Tromba dolce Soprani   (8')

Contrabassi 16'   (pedale)       Violoncello   (bassi, 8')

Ottava                                       Flaugioletto Soprani   (2')

Duodecima                               Viola nei Bassi   (4')

                                                  Bombardone   (pedale, 16')

(In corsivo sono evidenziati i registri di G.B. De Lorenzi)

Accessori: Unione tasto-pedale, Tiratutti, Terza mano (dal Re3), Tremolo.